skip to Main Content

Spett.le Federconsumatori Rimini,
facendo seguito alla Vs del 7 marzo u.s. ed all’incontro di venerdì scorso, con la presente desideriamo fornire i chiarimenti richiesti, rimanendo sin da ora a disposizione per ogni ulteriore eventuale approfondimento.

1. Periodicità di fatturazione

La periodicità di fatturazione, ovvero la frequenza con la quale devono essere emesse le bollette, è stata stabilita dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (d’ora in avanti per brevità “ARERA”) con la delibera 463/2016/R/com (Testo Integrato in materia di Fatturazione “TIF”). La frequenza dell’emissione delle bollette dipende dal profilo di consumo dell’utente servito in tutela*:

Tipologia di clienti Periodicità
Fino a 500 Smc/anno Almeno quadrimestrale
Superiore a 500 e fino a 1.500 Smc/anno Bimestrale
Superiore a 1.500 e fino a 5.000 Smc/anno Bimestrale
Superiore a 5.000 Smc/anno Mensile

Il TIF è entrato in vigore il 1° gennaio 2018, pertanto da quella data in avanti SGR Servizi ha dovuto adeguarsi alle nuove regole ed abbandonare la precedente modalità di fatturazione sino ad allora adottata, la quale prevedeva l’emissione di fatture mensili nei mesi invernali e aggregata nei mesi estivi, con l’effetto di rendere gli importi per singola fattura significativamente più bassi.

2. Passaggio dal mercato tutelato al mercato libero

Il passaggio tra le condizioni economiche del mercato di tutela a quelle del mercato libero avviene sempre e necessariamente previa sottoscrizione di un nuovo contratto e non può mai avvenire senza l’espressa e consapevole accettazione da parte del cliente delle nuove condizioni generali e particolari (offerta economica).
Dal 1° luglio 2020 i servizi di Tutela di prezzo con condizioni stabilite dall’ARERA non saranno più disponibili ed i clienti attualmente ancora serviti in Tutela hanno già da ora la possibilità di scegliere tra le diverse offerte sul mercato libero disponibili stipulando un nuovo contratto.

Anche SGR Servizi mette a disposizione dei propri clienti specifiche e convenienti offerte a mercato libero accompagnandoli verso una scelta consapevole tra le diverse formule di prezzo disponibili (fisse, indicizzate, ecc…). Per farlo utilizza molti canali di contatto cercando di essere sempre raggiungibile ed il più vicino possibile ai consumatori, quali:

  • una capillare rete di sportelli clienti distribuiti su tutto il territorio servito;
  • agenti autorizzati che, previo appuntamento, visitano il cliente a domicilio per offrire consulenza e proporre soluzioni di risparmio;
  • il call center interno dedicato costituito da operatori appositamente formati e attivi presso le varie sedi aziendali sul territorio;
  • il sito internet dove è possibile conoscere determinate offerte del mercato libero come stabilito da ARERA.

3. Sostituzione dei contatori meccanici con contatori elettronici

La sostituzione dei contatori gas tradizionali con quelli elettronici (smart meter) è stata avviata per iniziativa dell’ARERA, partendo dai contatori di maggiore portata (classe G40 e superiore) ed è stata progressivamente estesa ai contatori di calibro dapprima intermedio e ai contatori gas di minore portata per usi domestici (classe G4-G6).
Con il termine “smart metering” si intendono i sistemi che consentono la telelettura e telegestione dei contatori di energia elettrica, gas e acqua. I vantaggi dei sistemi di smart metering sono numerosi e tra questi vi sono:

  • migliore consapevolezza del cliente finale in relazione ai propri consumi e promozione dell’efficienza energetica e dell’uso razionale delle risorse;
  • migliore gestione della rete e migliore individuazione delle perdite tecniche e commerciali;
  • facilitazione della concorrenza per la possibilità di ottenere una lettura “spot” (al di fuori del ciclo di lettura) in occasione del cambio di fornitore. (Fonte: ARERA)

E’ importante sottolineare che il soggetto deputato all’attività di gestione della rete gas, e quindi dei contatori, è il Distributore locale competente, il quale gestisce in concessione un servizio pubblico (nell’ambito di Rimini l’operatore principale è la società ADRIGAS S.p.A.).
La campagna di sostituzione degli impianti di misura con “smart meter” risponde ad un obbligo imposto a tutte le società di distribuzione del gas metano in Italia dalla normativa europea e nazionale e successivamente recepito anche da ARERA**.
Tutti i contatori elettronici sono certificati secondo normativa europea ed il loro funzionamento per quanto riguarda la misura è garantito a seguito di verifica eseguita da istituti accreditati da enti ministeriali.
La misura gas nel contatore è sottoposta interamente a sigillo metrico posto dal fabbricante: nessuno, nemmeno il Distributore può in alcun modo intervenire sulla misura tramite tarature o qualsiasi altra operazione. Il Distributore può solo ed esclusivamente leggere il dato di misura.
Dalle analisi effettuate, non risulta alcuna discrepanza nella misura confrontando vecchi e nuovi contatori.
Vi sono casi residuali in cui il misuratore, pur funzionando correttamente, per cause puramente tecniche ha difficoltà a connettersi alla rete mobile per comunicare il dato di consumo (la c.d. “lettura”): è per questi motivi che a volte SGR Servizi, in assenza del dato di consumo puntuale, deve necessariamente effettuare una stima che si basa sul profilo storico dei consumi di quella determinata utenza, così come previsto dalla stessa ARERA.
Qualora il cliente dovesse ritenere che i suddetti consumi stimati indicati nella bolletta non siano in linea con i consumi effettivi e, quindi, l’importo che è stato fatturato in bolletta non sia corretto, può segnalarlo a SGR Servizi attraverso lo sportello clienti, l’e-mail, il call center o lo sportello online. SGR Servizi procederà ad effettuare le necessarie verifiche nei tempi minimi necessari e, qualora i consumi e l’importo non siano corretti, dopo avere ricevuto la lettura del Distributore o l’autolettura, procederà ad un conguaglio nella prima bolletta utile. Ciò significa che, in tal modo, SGR Servizi restituirà le somme eventualmente pagate in più (se aveva stimato consumi superiori a quelli effettivi) o a richiedere le somme eventualmente pagate in meno (se aveva stimato consumi inferiori a quelli effettivi).

4. Temperature

I dati relativi alle temperature nel territorio della provincia di Rimini che dimostrano una diminuzione media di 2,5 gradi tra il mese di gennaio 2018 e gennaio 2019 sono stati estratti da quelli messi a disposizione dall’agenzia Arpae Emilia-Romagna (si veda figura sotto).

Si segnala a tal proposito che in questi giorni anche autorevoli organi di stampa hanno pubblicato dati risultanti del tutto simili pur se provenienti da fonti diverse.

Periodo Temperatura Media
Dicembre 2017 6,5 °C
Gennaio 2018 7,6 °C
Dicembre 2018 5,3 °C
Gennaio 2019 4,6 °C
Periodo Delta temperature
Dicembre 2017 / Dicembre 2018 -1,4 °C
Gennaio 2018 / Gennaio 2019 -3 °C

Dati:
ARPAE

5. IVA

L’imposta sul valore aggiunto, IVA, è calcolata sulla base imponibile costituita dall’ammontare complessivo dei corrispettivi dovuti al prestatore del servizio secondo le condizioni contrattuali, compresi gli oneri e le spese inerenti all’esecuzione e i debiti o altri oneri verso terzi accollati al cessionario o al committente, come disposto dall’art. 13, comma 1 del DPR 633/1972 (Istruzione e disciplina dell’imposta sul valore aggiunto).

La somministrazione di gas naturale ed energia elettrica rientra tra le prestazioni di servizi e la base imponibile di tali prestazioni, sulla base di quanto suddetto, comprende anche le accise.

La disciplina di cui all’art. 13 del DPR 633/72 si pone in linea con le specifiche disposizioni impartite dalle Direttive Comunitarie ed, in particolare, dalla DIRETTIVA 2006/112/CE – Relativa al sistema comune d’imposta sul valore aggiunto, che, all’art. 78, comma 1, lettera a), recita:
«Nella base imponibile devono essere compresi gli elementi seguenti:
a) le imposte, i dazi, le tasse e i prelievi, ad eccezione della stessa IVA;
Inoltre va evidenziato che l’Amministrazione Finanziaria si è espressa con vari documenti di prassi:

  • la Risoluzione 350586/82
  • la Risoluzione 2E/94
  • la Circolare 226/99

Ulteriore conferma è rinvenibile dalla più recente risposta dell’Agenzia delle Entrate ad un interpello effettuato da una contribuente nel novembre 2017 (interpello N°910/2017). Nell’interpello l’Agenzia conferma il proprio consolidato orientamento ossia che le imposte, i dazi, le tasse e i prelievi ad eccezione della stessa IVA, devono essere compresi nella base imponibile.
Anche la Corte di Giustizia (causa n°256/14, sentenza del 11/06/2015) richiama l’art. 78 della Direttiva IVA: «le imposte, i dazi, le tasse e i prelievi ad eccezione della stessa IVA devono essere compresi nella base imponibile».

L’aliquota applicata per gli usi civili è pari al:

  • 10% relativamente ai primi 480 metri cubi annui di consumo come previsto dal numero 127-bis della Tabella A, Parte III allegata al DPR 633/1972;
  • 22% sugli eventuali ulteriori metri cubi annui di consumo e sulle quote fisse.

Relativamente alle modalità di calcolo e di fatturazione dei primi 480 metri cubi annui si rinvia alla specifica circolare dell’Agenzia delle Entrate (circolare n. 2/E del 17/1/2008).

6. Rateizzazioni e bonus gas

La disponibilità da parte della scrivente per rateizzare gli importi delle fatture è sempre stata massima, ben superiore alle disposizioni in materia di ARERA (che prevede la possibilità di rateizzare soltanto in determinati casi***) ed oltretutto da sempre senza applicazione di interessi moratori sulle rate convenute. Nella situazione odierna SGR Servizi non verrà meno all’abituale disponibilità, approvando anche rateizzazioni un po’ più lunghe in ragione della fatturazione dell’ultimo inverno che, per diversi concorrenti fattori, ha pesato maggiormente rispetto alle precedenti.
Per quanto riguarda il bonus sociale****, questo è un importo accreditato in bolletta sotto forma di sconto, che viene riconosciuto ai Clienti che si trovano in condizione di disagio economico e/o fisico, al fine di garantire loro un risparmio sulla spesa per la fornitura di elettricità e/o gas.

Possono ricevere il bonus sociale per disagio economico i Clienti domestici intestatari di una fornitura di luce o gas nell’abitazione di residenza, che abbiano un indicatore ISEE (Indicatore di Situazione Economica Equivalente) non superiore a 8.107,50 euro o, nel caso di famiglie numerose (con più di 3 figli a carico), con un ISEE non
superiore ai 20.000 euro.

Possono ricevere il bonus sociale per disagio fisico i Clienti domestici intestatari di una fornitura di luce, in cui uno dei componenti si trova in gravi condizioni di salute, tali da richiedere per l’esistenza in vita l’utilizzo di apparecchiature mediche alimentate ad energia elettrica (c.d. apparecchiature elettromedicali).
I bonus sociali per disagio economico e per disagio fisico sono cumulabili qualora ricorrano i rispettivi requisiti di ammissibilità.
Per richiedere il bonus sociale è necessario presentare un’apposita domanda presso il Comune di residenza o presso un altro ente designato dal Comune (CAF, Comunità montane) utilizzando gli appositi moduli. Sul sito di ARERA sono presenti due sezioni diverse consultabili per scaricare i moduli di richiesta ed ottenere maggiori  informazioni (bonus gas, bonus elettrico).

Nella speranza di aver fornito risposte chiare ed esaustive, si rimane comunque a Vostra disposizione per ogni maggiore chiarimento.
Rimini, 12 marzo 2019

Cordiali saluti,
SGR Servizi S.p.A.

Titolo: Riscontro Richiesta Chiarimenti Federconsumatori
Data: 7 Marzo 2019
Tipo evento: News
Info: servizioclienti@sgrservizi.it

*: Si veda l’Art. 4 dell’ Allegato A alla deliberazione 463/2016/R/com (TIF) e s.m.i.

**: Cfr. Deliberazione 22 ottobre 2008 – ARG/gas 155/08 e s.m.i.

***: Cfr. l’Art. 12bis Testo Integrato delle attività di Vendita al dettaglio di Gas naturale e gas diversi da gas naturale distribuiti a mezzo di reti urbane (TIVG) – Allegato A alla Delibera ARG/gas 64/09 e s.m.i.

****: Cfr. il Testo Integrato delle modalita’ applicative dei regimi di compensazione della spesa sostenuta dai clienti domestici disagiati per le forniture di energia elettrica e gas naturale (TIBEG) Allegato A alla Deliberazione 402/2013/R/com e s.m.i.

Serve aiuto? …O vuoi semplicemente saperne di più?

Approfitta del nostro consulente energetico! Un servizio gratuito messo a tua disposizione da SGR Servizi.

Back To Top
Informiamo la gentile Clientela che alcuni nostri uffici resteranno chiusi nelle seguenti date:

15 Marzo | NOVAFELTRIA

Grazie per l’attenzione.
COMUNICAZIONE CHIUSURA UFFICI
Informiamo la gentile Clientela che fino al 27 Agosto alcuni nostri uffici rimarranno chiusi il pomeriggio.

Vi invitiamo a controllare gli orari di sportello alla pagina "contatti".
COMUNICAZIONE CHIUSURA UFFICI
PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iODAwIiBoZWlnaHQ9IjQ1MCIgc3JjPSJodHRwczovL3d3dy55b3V0dWJlLmNvbS9lbWJlZC9adjFDdkJ1VnBwQSIgZnJhbWVib3JkZXI9IjAiIGFsbG93PSJhY2NlbGVyb21ldGVyOyBhdXRvcGxheTsgZW5jcnlwdGVkLW1lZGlhOyBneXJvc2NvcGU7IHBpY3R1cmUtaW4tcGljdHVyZSIgYWxsb3dmdWxsc2NyZWVuPjwvaWZyYW1lPg==
Con l'occasione ricordiamo che i nostri uffici e il nostro servizio di Call Center rimarranno chiusi nei seguenti giorni:
- 24, 25, 26 e 31 dicembre 2018
- 1 e 5 gennaio 2019

Grazie per l’attenzione.
Auguri di Buone Feste e Felice Anno Nuovo!